gustavo zerbino

Coach Gustavo Zerbino

Coach Gustavo Zerbino, medico, Presidente della federazione uruguayana di Rugby, ci parla, di coaching, di come insegna ai manager come gestire gruppi e di come prendere decisioni.
Ma ci dice soprattutto di “vivere il presente”.

Abbiamo conosciuto Gustavo a Prato, in occasione della preparazione della sua Nazionale di rugby per un incontro di qualificazione agli ultimi mondiali. La squadra uruguayana è stata ospite nella città toscana e Gustavo, persona di rare doti umane, ha deciso di regalarci una serata indimenticabile, raccontandoci la sua incredibile storia e lasciando ai presenti un’esperienza indimenticabile sulla strada del coaching personale e del modo di affrontare la vita e le difficoltà.

Per chi non ne conoscesse la storia Gustavo Zerbino è stato uno dei protagonisti di una tra le più sconvolgenti avventure umane del ventesimo secolo. Una tragedia che ha turbato e sconvolto il mondo: nell’ottobre del 1972, un aereo uruguayano con a bordo una squadra di giocatori di rugby e 25 loro amici si schiantò￲ sulle Ande.

Dei passeggeri 32 sopravvissero. nel gelo dell’alta montagna, privi di indumenti adatti e praticamente senza cibo, i superstiti dovettero presto prendere la più terribile delle decisioni: nutrirsi della carne dei compagni, dei parenti, degli amici morti. Una scelta scioccante, che altre terribili prove resero ancora più atroce. Finchè dopo settimane di stenti ed ulteriori perdite, due del gruppo: Roberto Canessa e Nando Parrado, decisero di tentare il tutto per tutto e partirono alla ricerca di aiuto. Il coraggio fu alla fine premiato e nel dicembre, una spedizione di soccorso mise in salvo i quattordici passeggeri che avevano fin lì resistito. Fra questi gustavo che, ha avuto fin dall’inizio un ruolo importantissimo nella sopravvivenza dei suoi compagni di viaggio grazie alle sue competenze di studente di medicina.

Dall’esperienza sono stati tratti un film:”Alive” ed un libro: “Tab?”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *