Category Archives: PNL

PNL Programmazione Neuro Linguistica

La PNL, Programmazione Neuro Linguistica, può essere definita come un “manuale d’uso del cervello” o come un “software per il cervello”.

La Programmazione Neuro-Linguistica si occupa quindi dello studio della struttura dell’esperienza soggettiva e di quello che può essere calcolato da esso.

Web Hosting

La sua convinzione di base e la sua promessa è che le strategie efficaci di pensiero possono essere identificate, assunte e utilizzate da chiunque lo desideri.
La PNL è nata dal frutto di anni di ricerche, compiute da Richard Bandler e John Grinder, orientate a scoprire quali fossero gli elementi comportamentali e linguistici che permettevano a psicoterapeuti di orientamento teorico diverso, come Fritz Perls, Milton Erickson e Virginia Satir, di avere una costanza di risultati positivi talmente rilevante.
I risultati sono stati l’individuazione di una serie di strategie comportamentali e di modelli linguistici specifici e riproducibili.

PNL : IL CERCHIO DELL’ECCELLENZA

Poichè la PNL ha un’applicazione pratica molto efficace e può essere applicata anche a livello personale con semplici esercizi, ve ne proponiamo una serie applicabili a tutti gli ambiti della vita quotidiana.
IL CERCHIO DELL’ECCELLENZA
Il cerchio dell’eccellenza è uno spazio virtuale che in PNL viene arricchito di stati emozionali potenzianti. E’ una semplice e potente tecnica che usa la nozione di ancora spaziale.

Web Hosting

Crea uno cerchio sul pavimento, ovunque credi. Dagli un colore se preferisci. Entrando nel cerchio dell’eccellenza è come entrare in uno spazio magico, pieno di stati emozionali risorsa, come per esempio, tranquillità, forza, equilibrio, energia, serenità, amore, gioia… Questi stati emozionali risorsa devono essere ancorati al cerchio dell’eccellenza la prima volta che lo crei, a tuo piacimento. Di modo che, dopo aver stabilito come lo vuoi e dopo aver ancorato più volte gli stati emozionali utili al cerchio, lo potrai usare quando ne senti la necessità. Immagina di poterlo usare prima di un colloquio di lavoro, o prima di una telefonata di vendita, o prima di una discussione difficile che devi affrontare, o prima di una sfida, prima di un momento difficile… Per rendere forti e indissolubili gli stati emozionali all’interno del tuo cerchio dell’eccellenza, usa il tuo sistema rappresentazionale, cioè i tuoi sensi: arricchisci di immagini, suoni, parole, sensazioni forti i vari stati emotivi che vuoi ancorare al cerchio. Ripeti questa operazione più volte la prima volta e poi per qualche giorno successivo, in modo da segnare l’ancora e renderla forte.
CHANGE PERSONAL HISTORY Questo è un processo usato per rimuovere emozioni negative nel passato e per fornire risorse a esperienze passate, o meglio alla percezione e al ricordo di esse.
La tecnica di change personal history utilizza la linea del tempo (o time line), spesso è usata con delle semplici ancore cinestesiche, ripercorrendo gli eventi passati sulla linea del tempo, dando risorse ai momenti difficili e riconoscendo che si è fatto tutto il possibile con le risorse a disposizione in quel momento.
Ecco uno schema di Change Persona History usando ancore cinestesiche:
cerca una situazione spiacevole e valutata in una scala da 0 a 10 con un rate medio-basso per le prime volte in cui provi la tecnica. Si tratta di una situazione che si riporta dal passato e che non vuoi più portare con te nel futuro
pensa allo stato e situazione da abbandonare definitivamente nel passato e pensaci intensamente, a cosa senti dentro e a cosa ti infastidisce di questo, quando ti trovi ad intensità emotiva, ancora la situazione negativa premendo insieme il pollice e l’indice della mano destra
rilascia e scuoti il corpo, questo serve per uscire dallo stato e distrarre le sensazioni dentro nonchè il pensiero. Ora testa l’ancora premendo le dita insieme e valutando se premendo il pollice con l’indice destro ritorna lo stato da cambiare.
Web Hosting
Immagina una linea del tempo ipotetica, dove, per esempio, alla tua sinistra si estende il tuo passato e alla tua destra si estende il tuo futuro e dove ti trovi c’è il presente.
Mantieni l’ancora dello stato da cambiare attiva e ripercorri il passato, torna indietro dall’oggi fino a tappe precedenti che si ritrovano in questo stato/atteggiamento/pensiero/comportamento. Cosa devi fare ora è notare la differenza di intensità dell’ancora tra le varie fasi del tuo passato.
Spezza lo stato, distraiti, alzati o fai altro.
Ora imposta una serie di stati utili, potenti, potenzianti, risorse che possono esserti utili e possono essere utili al te stesso del passato. Ricorda eventi, prova emozioni fino a sentire forte nel corpo e nell’aura l’intensità di questi stati positivi. Quando li senti forti ancorali premendo il pollice e indice della mano sinistra.
Stacca le dita e spezza lo stato scuotendo il corpo. Ora, testa l’ancora premendo le dita per sapere se hai ben ancorato gli stati risorsa all’ancora cinestesica.
Ora sei pronto a tornare nel tuo passato, ripercorrendo sulla tua sinistra le varie tappe. Mantieni l’ancora potenziante con le risorse attiva, premendo le dita e osserva, vivi, guarda i vari momenti del passato diffondendo le risorse che hai scelto. Qui, avendo prima stabilito un ancora per gli stati da abbandonare, potresti effettuare un collapsing anchor per ciascuno degli eventi nel passato.

Percorri momento per momento importante diffondendo le risorse. Arriva fino al momento presente e rilascia l’ancora positiva.
Ora ritorna al passato e nota se al te stesso di prima sono associati elementi in più, risorse in più. Osserva se i tuoi pensieri hanno creato collegamenti chiarificatori e se ti senti più in controllo o leggero.

Come ultima fase, ritrova ancora l’ancora con la mano sinistra, quella di risorse potenzianti e rivolgiti alla tua destra, alla tua linea del futuro e immagina di vedere i momenti in cui sarebbe stato probabile rivivere lo stato depotenziante e diffondi le risorse dell’ancora positiva.
COME SE La tecnica del “come se” è molto semplice. In pratica significa esattamente cosa intende:è il vecchio gioco che facevamo tutti da piccoli, quello di far finta di essere… un pirata, un cowboy, un indiano, una mamma, un pilota, una ballerina, …
La cornice del “Come se” è semplicemente simulare di essere come se: – fossimo già la persona che vogliamo diventare, – che avessimo già la convinzione che vogliamo adottare, – che vivessimo già come vorremmo, – che ci sentissimo già come ci piacerebbe sentirci, – che avessi già l’abitudine che vorremmo fare nostra.

Vivere la situazione nella cornice del “come se” è simile al future pace ed alcune visualizzazioni, anzi si può dire che molte visualizzazioni si basano proprio sulla tecnica del “come se”.
Vivi come se fossi già la persona che vuoi diventare e lo diventerai senza accorgertene.

DISNEY STRATEGY Questa tecnica era utilizzata proprio dal genio Walt Disney per cercare soluzioni efficaci e durature. Utilizza la tecnica delle ancore spaziali, cara a Robert Dilts, e non è un caso che fu proprio Dilts a studiare il genio creativo di Walt Disney.
Crea ancora spaziali (cerchi sul pavimento per esempio) per tre posizioni: il SOGNATORE, il REALISTA, il CRITICO.
Ancora uno stato appropriato per ciascun luogo. Pensa a una persona o a te stesso in uno stato particolarmente creativo, cosa facevi con la mente, come esprimevi la tua creatività, come ti sentivi dentro… Fai lo stessi per le altre due posizioni.
Individua la situazione da analizzare e che richiede riflessione e una risposta.

Entra nell’ancora spaziale del SOGNATORE e vedi la situazione con i suoi occhi.
Entra nell’ancora spaziale del REALISTICO e vedi la situazione con i suoi occhi.
Entra nell’ancora spaziale del CRITICO e vedi la situazione con i suoi occhi.
Ora ripeti il giro per far penetrare i suggerimenti in ciascuno dei tre. Ripeti il cambio di posizioni fino a che non hai trovato una soluzione che soddisfa i vari punti di vista.
Ora, dovresti percepire più completezza e lucidità nel risolvere la situazione.
FAST PHOBIA. TECNICQUE
Questa tecnica di cambiamento risulta molto efficace per l’eliminazione di intense paure e di fobie. La tecnica usa la ripetuta dissociazione sia visiva che cinestesica. Leggila prima di provarla, se desideri, con una paura di moderata intensità.
Per testare l’intensità di una paura, è consigliabile usare la scala da 0 a 10, dove 0 è niente paura e 10 è fobia con sintomi di sudorazione, battito accelerato, respirazione superficiale e corta e concentrazione solo su un elemento ? quello della paura.

1. Stabilisci un ancora “di salvataggio”. E’ sempre ecologicamente consigliabile in PNL in tecniche di cambiamento, fornirsi di un’ancora che provoca un intenso piacevole stato emotivo. Di modo che, in caso di difficoltà e di necessità di uscire da stati di paura forte, si abbia sempre uno strumento a portata di mano.
2. Identifica la paura. Ritrova un evento nel passato in cui hai vissuto la paura o una fobia di media intensità
3. Crea il setting di una sala di cinema e guarda il film. Ecco che qui si esprime il concetto della dissociazione. Nella versione classica della Fast Phobia Technique immagini di vedere te stesso dalla cabina di proiezione, in cui sei tranquillo e comodo. Immagini di vedere te stesso seduto in platea che guarda il film di te stesso che vive la scena che provocaVA paura.
4. Guarda il film dalla cabina di proiezione, guardando te che guardi il film sullo schermo fino alla fine e ti rendi consapevole che esiste una fine e che tutto può tornare tranquillo.
5. Ora immagina di guardare il film dal punto finale di “ok, sono sopravvissuto” all’indietro, fino all’inizio. Sì, proprio come un film muto, magari anche in bianco e nero, di Charlie Chaplin, con mosse all’indietro, camminate all’indietro, esclamazioni al contrario, insomma quasi quasi da sbellicarsi dal ridere…
6. Il termine della tecnica classica è che, dopo aver immaginato di vedere il film all’indietro per diverse volte, in BN, comico, dal ridere e ASSURDO, tu possa valutare quanto in una scala da 0 a 10 possa ora essere veramente paurosa una situazione del genere.
Molto frequentemente l’impatto cala radicalmente fino a non essere veramente percepito, hai creato confusione mentale, una dissociazione emotiva e visiva tra quello che prima era e ora ha diversi percorsi neurali. Il lavoro successivo è di testare l’incontro con l’insetto, oppure l’esposizione del discorso, o la paura che poteva essere associata a quella esperienza prima e che ora non lo è più.
Dipende come la si fa e con chi la si mette in atto, la tecnica del Fast Phobia Cure è spesso una tecnica “one shot”, cioè una volta e basta. Per una maggior efficacia, è consigliabile provarla con l’assistenza e di un coach professionista.
REIMPRINTING

Per reimprinting si intende quella tecnica per cui si può “ri-stampare” elementi del proprio passato. Questa tecnica partiva dal presupposto che noi possiamo “cambiare il nostro passato”.
La memoria del passato, e perciò quello che noi consideriamo il passato, no è fatto di eventi, è fatto di ricordi, di rappresentazioni dei ricordi, immagazzinate nella memoria. Perciò, se non possiamo cambiare gli eventi passati, poichè non esistono nell’adesso, possiamo “solo” operare sulla loro rappresentazione e percezione.
Inoltre, poichè il significato che diamo agli eventi, deriva dalle rappresentazioni interne della nostra esperienza, modificare queste rappresentazioni con il reimprinting, altera di conseguenza il significato e il ricordo emozionale legato ad esse.

Con la tecnica del re imprinting, in pratica, si fornisce il proprio passato di risorse emozionali utili per il presente, modificando collegamenti emozionali o integrandoli.

ROLE PLAY
Role play significa letteralmente “gioco di ruolo” ed è quello che significa. In PNL , il role play è una delle altre tecniche per ampliare il proprio punto di vista, per “mettersi nelle scarpe” dell’altra parte, per vedere le cose in una prospettiva diversa.
Classico e storico esempio di role play era quando Mahatma Gandhi si immedesimava appositamente con gli inglesi per comprendere il loro punto di vista e, viene considerato, che questa sua capacità, fu uno degli elementi di successo del suo atteggiamento, che lo portò ad ottenere la riconquista dell’India.
Uno psico-dramma è un role play, per cui ci si immedesima nella parte di altri, che possono essere colleghi di lavoro, famigliari, altri con cui bisogna raggiungere un obiettivo comune o risolvere un conflitto.
STATO ATTUALE E DESIDERATO
La PNL non considera sbagliate le persone, solo le loro mappe. La PNL non si permette di aggiustare le persone, sono di perfezionare le loro strutture. Le tecniche della PNL non fanno altro che trasportare la persona dallo stato attuale a quello desiderato generando un ponte, un link fatto di risorse interne alla persona. Ciò può coinvolgere il cambio di credenze, atteggiamenti, incremento di motivazione e consapevolezza, l’aggiustamento del focus e dei pensieri o la sistemazione di sensazioni legate a situazioni…

Insomma, quale che sia la parte della mappa da aggiustare, il coach (o operatore) di PNL non fa altro che ricercare e installare risorse che permettono di muoversi dallo stato attuale (da cambiare) per andare allo stato desiderato dal cliente.
Se vuoi che qualcosa cambi nella tua vita, allora qualcosa deve cambiare.
Di solito i cambiamenti più importanti e duraturi sono quelli che avvengono all’interno e che si manifestano, poi e per conseguenza, all’esterno.
Esistono però 3 condizioni fondamentali perchè i cambiamenti avvengano: 1. lo devi volere 2. devi sapere come 3. devi avere l’opportunità per effettuare i cambiamenti.
In base ad altri schemi per passare dallo stato attuale a quello desiderato, esiste anche una quarta condizione: devi essere preparato a “pagare il prezzo”, cioè a sudare per ottenere il risultato, a ripetere e a rendere il cambiamento consolidato e inconscio.
SWISH PATTERN
Lo swish pattern è una tecnica di PNL usata per insegnare al cervello una strada nuova e un’altra direzione. Questo strumento può cambiare i collegamenti neurali dei nostri pensieri, gli schemi mentali e i comportamenti. Secondo quanto dice Richard Bandler, è uno degli strumenti più potenti che lui abbia mai usato.
Lo swish pattern sfrutta il veloce processo di apprendimento del cervello quando apprende sequenze di azioni come passi di danza, cambio della marcia per guidare, o di pensieri, come certi calcoli matematici automatici, come le tabelline delle moltiplicazioni.Lo swish pattern è molto breve e divertente da mettere in atto: basta identificare lo stato da voler cambiare e anche uno stato desiderato in due immagini davanti a sè.
Dopodichè non si fa altro che immaginare che nella immagine dello stato stagnante si insinui da un angolo e in modo veloce, fino a prenderne lo spazio predominante, l’altra immagine, quella desiderata. Ripetere sempre più velocemente il meccanismo lo renderà presto automatico.
swish pattern

IL VERO IO E’ QUELLO CHE TU SEI PARTE 3

L’effetto di questo bombardamento contro corrente è visibile dall’esterno, la persona diventa insicura, non sa più qual è la sua strada, mette in dubbio i suoi obiettivi, cade nella rete dei condizionamenti, diventa incerta e, paradossalmente, finisce per affidarsi proprio a chi sembra tanto certo di come va gestito il suo futuro. In altre parole si perde di vista e crolla l’autostima.
Che fare? Come sempre non ci sono ricette valide per tutti, ognuno ha il diritto di trovare la propria, attraverso quegli ingredienti soggettivi e particolari, sapientemente calibrati, che consentono di recuperare piano piano il piacere di guardarsi dentro e di dire con soddisfazione: ok, ci siamo, sono sulla buona strada.
Cominciamo a riconoscerci, a dare valore alla nostra diversità, unicità, originalità: chiamiamo come vogliamo il nucleo più autentico che appartiene solo a noi. A volte, può essere utile cominciare ad essere tolleranti verso se stessi, a voler bene anche ai propri difetti, o ai cosiddetti limiti. E’ un punto di partenza.
Se è vero che è giusto crescere, migliorarsi, andare avanti, allora cominciamo a soffiare sulla cenere, scoviamo le scintille da alimentare, rivitalizziamo fiammelle deboli, facciamo esplodere nuovamente la voglia di vivere e di seguire la strada che ci appartiene di diritto.

 

Articoli Simili

– IL VERO IO E’ QUELLO CHE TU SEI Parte II (17 febbraio 2014)
– IL VERO IO E’ QUELLO CHE TU SEI (12 febbraio 2014)

IL VERO IO E’ QUELLO CHE TU SEI Parte II

I condizionamenti subiti, più o meno evidenti, più o meno sottili, lasciano una traccia indelebile: genitori che impongono un modello di vita, mete, ambizioni che il figlio non condivide, non sente proprie, ma a cui finisce per cedere; insegnanti che non valorizzano la ricchezza della diversità di ciascun alunno, ma, al contrario, pretendono allievi “modello”, secondo il loro “modello”, penalizzando l’errore, invece di utilizzarlo per far capire come meglio bisogna procedere.

Si fa pesare il fallimento, l’insuccesso. Ma il fallimento è tale solo se non lo si considera un risultato, anche se negativo e distante dai propri desideri. Il termine risultato invita a guardarsi indietro, a scoprire un metodo più efficace per arrivare alla meta con meno difficoltà e più soddisfazione.
Ma anche un partner può contribuire a sminuire, a far deviare l’amato o l’amata che non corrisponde alle sue aspettative, cercando di riportarlo sulla (sua) retta via. Stesso discorso vale per un capo sul lavoro.

The secret di Byrne Rhonda

Il libro di Ronda Byrne, dal quale è nato anche un film che ha riscosso grande successo, è uno dei più conosciuti tra quelli che trattano della legge dell’attrazione.
Web Hosting

Per chi non sapesse di cosa stiamo parlando la legge dell’attrazione afferma che qualsiasi cosa su cui focalizzi la tua attenzione si manifesta nel mondo fisico. In sostanza il tuo focus determina la tua realtà e il tuo modo di pensare può cambiare il tuo modo di vivere.Più coltivi nella tua mente una determinata immagine, associandole emozioni positive o negative, più aumentano le possibilità che tale immagine diventi reale e trovi una corrispondenza nella tua vita.
Lettura interessante quella di “The secret” per chi vuole avvicinarsi ad un approccio che, oltre ad essere molto in voga, permette di ritagliare sulla propria esperienza un modo di prendere in mano la propria vita orientato alla fiducia in sè stessi e nell’universo.
La Byrne racconta nel libro di un Segreto che è stato tramandato attraverso i secoli, desiderato ardentemente, nascosto, rubato e comprato per somme ingenti di denaro. Questo antichissimo segreto era noto ad alcuni dei più grandi personaggi della storia: Platone, Galileo, Beethoven, Edison, Carnegie, Einstein e ad altri inventori, teologi, scienziati e filosofi. Ora il segreto sta per essere rivelato al mondo. “A mano a mano che imparerai il Segreto, scoprirai come puoi avere, essere o fare tutto ciò che vuoi. Giungerai a sapere chi sei veramente e a conoscere le meraviglie che ti aspettano nella vita”.
Frammenti di un Grande Segreto sono stati trovati nel corso di secoli nelle tradizioni orali, in letteratura, nelle religioni e nelle filosofie. Per la prima volta tutti i tasselli del Segreto compaiono insieme in un’incredibile rivelazione che trasformerà la vita di tutti coloro che ne faranno l’esperienza. In questo libro imparerete ad usare il Segreto in ogni ambito della vostra vita – denaro, salute, relazioni, felicità- e in ogni vostra interazione con il mondo. Comincerete a capire il potere nascosto e ancora inutilizzato che si trova dentro di voi, e questa rivelazione potrà colmare di gioia ogni aspetto della vostra esistenza. Il segreto contiene la saggezza dei maestri del mondo moderno, uomini e donne che l’hanno usato per procurarsi ricchezza, salute e felicità.
Mettendo in pratica la conoscenza del segreto essi portano alla luce storie ammirevoli che riguardano la sconfitta della malattia, l’acquisizione di ingenti ricchezze, il superamento di ostacoli e il consegueguimento di obiettivi da molti ritenuti irraggiungibili.
L’idea nasce dal viaggio di scoperta personale dell’autrice. Lungo la strada la Byrne ha radunato una squadra straordinaria di autori, ministri di culto, insegnanti, registi, grafici ed editori per presentare al mondo il Segreto e portare gioia a molte persone tramite la sua visione.
Gli esempi concreti riportati nel libro convincono anche i più scettici ad abbandonare il modo di pensare di default che porta le persone a passare i giorni focalizzati sulle cose che non vanno come vorrebbero e questo fa spesso si che si creino altri problemi, ci sono invece, dice Rondha Byrne, quelle persone che sembrano avere tutto dalla loro parte, Sono quelle persone che usano vantaggiosamente la legge dell’attrazione, che sanno che l’universo ama la velocità, che anzichè focalizzarsi su un problema immaginano e progettano la soluzione.
Possiamo definire “The secret” il capofila di una serie di interessanti libri sulla legge dell’attrazione e sulle sue applicazioni pratiche.

Editore: macro Edizioni, 2007, 202 p. rilegato euro 15,81
Compralo su IBS : The Secret Di Byrne Rhonda

Commenti (1) 
Ci sono persone che sanno cogliere ciò che l’universo mette loro a disposizione, non lamentandosi per ciò che non hanno, ma essendo grate di ciò che hanno. Così, partendo da questo si migliorano ogni giorno e mettono il loro miglioramento anche al servizio degli altri e dell’universo.

Scritto da maria claudia cavaliere | 12/02/14 2.09

E’ ciò che voglio! Parte I

C’è voglia di definire, chiarire, sistemare ciò che è in sospeso: situazioni personali o lavorative.
Desideri più o meno vaghi che cercano solo la strada per essere realizzati.
Web Hosting
A volte è difficile avere le idee chiare su dove si vuole andare e su come arrivarci, ma è pur vero che se non si sa dove andare, non si va da nessuna parte. Anche se, ogni tanto, si ha voglia di stare fermi a guardare, ad aspettare, ad elaborare.
In ogni caso,è importante leggersi dentro, ritrovarsi per dare delle risposte a richieste latenti.
Siamo spesso disponibili ad esaudire le pretese del mondo intero, mentre i nostri bisogni scivolano in secondo piano, sempre più in fondo, sotto strati di incombenze che non sempre ci appartengono.
Ma le nostre esigenze sono lì, vitali, anche se impolverate, chiedono solo di essere rispettate e se non lo facciamo, inviano segnali inconfondibili: malessere, insoddisfazione, disagio, senso di frustrazione. L’energia cala, passa la voglia di fare e di cambiare, peggiorando la situazione.

Foto highwaysagency/

E’ ciò che voglio- Parte 2

C’è voglia di definire, chiarire, sistemare ciò che è in sospeso: situazioni personali o lavorative.

Desideri più o meno vaghi che cercano solo la strada per essere realizzati.

A volte è difficile avere le idee chiare su dove si vuole andare e su come arrivarci, ma è pur vero che se non si sa dove andare, non si va da nessuna parte. Anche se, ogni tanto, si ha voglia di stare fermi a guardare, ad aspettare, ad elaborare Continue reading E’ ciò che voglio- Parte 2